lunedì 23 maggio 2011

L'infibulazione: cosa, come e perchè

Infibulazione: deriva dal latino fibula che vuol dire spilla.
La prima volta che sentii questa parola ero ancora piccolina, ma le immagini che vidi sul giornale mi diedero l'idea di qualcosa di molto doloroso.
L'infibulazione è una pratica di mutilazione genitale femminile ed è diffusa in circa 40 Paesi, principalmente in Africa, nella penisola araba e in alcune zone del sud est asiatico.

In cosa consiste?
Diciamo che esistono diverse versioni di infibulazione: principalmente la pratica consiste nella chiusura parziale dell'organo genitale femminile all'altezza della metà delle grandi labbra attraverso una sutura che lascia alla donna solo un piccolo passaggio per l'urina e il sangue mestruale.
In certi casi, vi è proprio l'asportazione del clitoride, delle piccole e delle grandi labbra.

Perchè si fa?
Per cultura.
Soprattutto nei paesi islamici, l'infibulazione è realizzata per mantenere intatta la verginità della donna fino al matrimonio e per evitare che una donna possa raggiungere il piacere.
Infatti, in molti casi, una donna non infibulata viene considerata impura: le è perciò difficile trovare marito e rischia di essere allontanata dalla società.

Quali sono gli effetti?
Una volta sposata, al fine di avere rapporti,  alla donna viene scucito il tutto (il solo parlare di queste cose mi impressiona!!!) per essere successivamente ricucito dopo il parto.
Naturalmente tutti questi interventi sull'organo genitale femminile hanno delle ripercussioni: le donne infibulate, oltre ad essere condannate a non provare mai piacere, incontrano problemi come cistiti, ritenzione urinaria e infezioni intime.

Per fortuna negli ultimi anni tante sono state le iniziative a difesa di queste donne; a destra il simbolo di chi lotta contro l'infibulazione.
In molti paesi, dove questa pratica è largamente diffusa, sono state emanate leggi che portano all'arresto di chi pratica queste mutilazioni.
Ma non è mai abbastanza, purtroppo.


41 commenti:

  1. per essere una piccola goccia ne smuovi di acqua tu eh? approvo e sottoscrivo (per quello che serve ben s'intende...)

    RispondiElimina
  2. é veramennte schifoso io taglierei il pene agli uomini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu cosa? Allora non sei tanto diversa da loro!?

      Elimina
  3. che profonda tristezza nel leggere di questa pratica. Hai fatto benissimo a scriverne, più persone sanno e più è facile che il fenomeno venga debellato

    RispondiElimina
  4. E' vero, tutto ciò è così triste e schifoso, ma purtroppo è la realtà, quella di cui magari si parla poco, quella che è tenuta nascosta.
    Ma intanto si tratta pur sempre di cose reali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. qua da noi se ne parla poco purtroppo

      Elimina
    2. è davvero una cosa orribile e terribile

      Elimina
  5. sto preparando un esame di antropologia culturale. Sul libro che sto leggendo, un intero capitolo è dedicato a questa pratica barbara. Stamattina l'ho letto e stavo per scoppiare a piangere.e' sconvolgente. Ha ripercussioni fisiche e psicologiche e quel che è più grave è che sono le donne stesse a sentirsi inadeguate se non sono infibulate perchè, leggevo sul libro, quando i genitali sono cuciti appaiono lisci e levigati e questo per certe culture è sinonimo di purezza e "preserva la fertilità"... ci sono una serie di oggetti infatti che questi popoli, proprio perchè lisci e levigati, associano ad un'idea di purezza. Inoltre una volta infibulate,l'orifizio vaginale è ristretto e questo è molto importante perchè per alcune delle popolazioni che la praticano tutti i fori del corpo (comprese narici bocca e orecchie) sono considerati pericolosissimi per qualcosa che ha a che fare con l'ingresso indesiderato di spiriti malvagi.

    RispondiElimina
  6. Grazie Anonimo (vi prego di firmarvi almeno con il vostro nome).
    Il bello di quando condividi qualcosa è che c'è sempre qualcuno che può aggiungere qualcosa di più e che ti arricchisce culturalmente.
    Beh, grazie al tuo commento, ora anche io so qualcosa in più (tipo il fatto di considerare tutti i fori del corpo pericolosi per l'ingresso di spiriti malvagi).
    Ringraziandoti ancora, ti faccio un in bocca al lupo per l'esame.

    RispondiElimina
  7. ma perché vogliamo andare ad evangelizzare a tutti costi i paesi africani o islamici o vattela a pesca : Sono casacci loro!!! sono le donne che si devono ribellare non noi al posto loro. Certo se evengono da noi devono rispettare le nostre leggi ma perché tanta demagogia ? nei paesi islamici il cane è impuro e che vogliamo fare glieli vogliamo imporre ?? in India il piscio di vacca è sacro come chi la emette ed allora ?? . Rivedetevi e fate a meno di questo femminismo comunistoide. le nostre ragazze vanno col davanti e con il di dietro al vento in attesa che qualche magrebino le violenti e allora? ci hanno mai imposto di rendere più prudenti i nostri costumi ??. anzeige

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho parole... questa risposta denota la tua intelligenza... e la tua ignoranza... ma soprattutto la tua mancanza di rispetto nei confronti delle donne, in questo caso si parla poi di bambine, si parla di barbarie giustificate solo dall'ignoranza, la stessa ignoranza che ti porta a scrivere queste scemenze. Come si fa a paragonare l'infibulazione con i cani che impuri o l'urina di vacca??? Ma ti rendi conto di cosa hai detto?? e ti rendi conto della tua penultima frase?? quale donna è in attesa secondo te di essere violentata... guarda spero che il tuo sperma sia ritardato come te e che tu non possa mai prolificare in modo da chiudere subito questo circolo di malvagità.
      Veronica.

      Elimina
    2. forse il penultimo anonimo, per quanto sia stato crudo nei modi ed avrebbe potuto zuccherare un po' la pillola, è stato l'unico non ipocrita, anzi, proprio parlando d'ipocrisia no, giusto che non abbia zuccherato il suo pensiero... E comunque credo fosse proprio tra le righe di quei forti esempi che ha fatto che bisognava capire quanto lui/lei ritenesse questa pratica ugualmente assurda a quelle venerazioni...
      detto questo, trovo anche io che l'infibulazione sia una pratica molto umiliante x la donna e addirittura io ero rimasta al fatto che tagliassero il clitoride per negarle il piacere ed escludere tradimenti. Non sapevo neanche che dopo il parto venissero ricucite... Cacchio, proprio carne da macello...
      Barbara

      Elimina
  8. Sai, io credo e sono d'accordo per la libertà di pensiero parola ed opera fintantoché questo non invade la sfera di libertà di chiunque altro...Ti sembrano consenzienti quegli occhi sbarrati dal terrore di quella piccolina nell'immagine qui sopra .. oppure lo sguardo rassegnato e che disperatamente implora aiuto dell'altra creatura?

    RispondiElimina
  9. Per quel poco che conosco credo che ci accomuni una comune cultura che dispregia la violenza alle bambine. E’ semplicemente orripilante .Detto questo però insisto che ognuno deve essere padrone in casa propria e non possiamo andare ad occidentalizzare il prossimo con le nostre visioni morali . Io sono vissuto un po di tempo in Congo ed in Liberia dove queste pratiche sono comuni ; che facevo dicevo no non lo fate ? mi avrebbero spernacchiato e come minimo un si faccia i casi suoi. Pertanto stando li , ho taciuto non per paura delle pernacchie ma per rispetto del loro modo di essere. Ti ricordo che nemmeno il dott. Schweitzer disse nulla , anzi credo che li avesse anche in cura per via delle infezioni. Per noi il loro modo di essere è pieno di inciviltà e noi ed il nostro mondo invece suscitano egualmente disprezzo. Che ne diresti di ricordare agli americani della sedia friggitrice , e il colpo alla nuca dei nostri amici cinesi. E la castrazione dei fanciulli in India ed in Cina?. E l’imbottigliamento del sacro piscio di vacca sacra degli indiani , con la quale si umettano la fronte?? E lo spingere alla prostituzione le Bambine di 10-12 anni dei nostri cari amici romeno/albanesi ? Lascia perdere qui il più pulito ha la rogna .Anzeige

    RispondiElimina
  10. Io non son d'accordo con l'arresto per gli infibulatori. La mia idea è un pochino più drastica.

    RispondiElimina
  11. ke skifo di cultura..........povere bimbe.......eviriamo anke gli uomini di quei popoli.............rabbiaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  12. Complimenti al Sig anonimo che turpiloquia in un blog di argomenti così delicati e seri.. Manuela

    RispondiElimina
  13. il problema è che le bambine non decidono ma sono costrette signori che dite non dobbiamo criticare la cultura voglio vedere se gli tagliano il pene per cultura

    RispondiElimina
  14. Sarebbe da tagliargli a certe persone non solo il loro organo genitale ma anche la lingua e le mani.
    Ci vuole coraggio a far certe cose.
    Non son degni di stare sulla terra!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  15. Premetto che trovo barbara qualunque mutilazione fatta per qualsivoglia ragione ma mi allineo alla posizione di Anzeige: senza andare a scomodare gli studi antropologici (il sig. o la sig.ra Anonimo di qualche riga fa) che peraltro dovrebbero insegnare la tolleranza di vedute visto che non è possibile osservare la cultura altrui partendo dalla nostra visione (ndr), occorre pensare che nei loro paesi d'origine è una pratica normale non ammessa dalle leggi ma tollerata in virtù del fondamentalismo religioso. Avevo un'amica somala che, figlia di una famiglia benpensante e acculturata di Mogadisho, non era stata sottoposta all'infibulazione... ebbene una volta a scuola la differenza con le altre compagne era così assurda da tollerare che ha pianto con i genitori finchè non è stata infibulata anch'essa per non esser da meno delle sue amichette! Ditemi voi!
    Quindi prima di giudicare l'altrui vita o l'altrui cultura filtrandola attraverso il nostro modo di pensare pensateci! E' certamente una pratica barbara, è senz'altro una cosa che fa vomitare e io (parlo personalmente) raderei al suolo un Paese che tollera un fondamentalismo così becero ed ottuso ma è la LORO CULTURA e va rispettata... gli occhi di quella bimba non sono un bel vedere ma attraverso quella barbarie sarà parte del suo mondo e non sta certamente a noi giudicare... buona vita a tutti, Alfio

    RispondiElimina
  16. Scusate, con tutto il rispetto per tutte le civilta' del mondo, ma da quando non si possono piu' fare le battaglie per una vita migliore che non sia proprio quella del nostro orticello? Se fosse come scrive una serie di "anonimi" (e' da qui che parte il rispetto per l'altro: FIRMARSI) non ci sarebbe stata alcuna battaglia per debellare la pena di morte in tantissimi Stati, non ci sarebbe stata Green Peace, non ci sarebbe stata Madre Teresa di Calcutta, non ci sarebbero state le esplorazioni sulla luna! Ma stiamo scherzando? Non faccio una battaglia perche' non sono a casa mia??? La mia casa e' li' dove sono io. Le regole del vivere civile devono essere condivise (e sono d'accordo) ma devono essere ACCETTATE da chi le accoglie come proprie. Chi dice che le donne africane sono le sole che devono ribellarsi ha proprio capito NULLA dell'altruismo. Caro anonimo, spero che tu, al di la' dei viaggi in giro per il mondo dove avresti visto le cose piu' turpi ma sei stato zitto perche' senno' ti squoiavano vivo...spero, dicevo, che tu non debba mai trovarti in condizioni di aiuto e avere come unica risorsa uno (o una) come te, che pensa solo a se stesso/a e che ritiene che a difenderti ci debba pensare solo tu. A chi poi s'azzarda a dire che l'infibulazione e' CULTURA auspico un rapido cambio della cultura italiana che preveda lo strizzamento dei testicoli, prima, e il taglio del prepuzio, poi. Eh, e' cultura! Avanti, il prossimo!
    (sono stupefatta di tanta ignoranza, dove si confondono pratiche di una violenza inaudita e mutilazioni con la...CULTURA! Ma mi faccia il piacere!)

    RispondiElimina
  17. avete visto il film"flower of desert" consiglio,,parla di questa tema

    RispondiElimina
  18. anonimo penso che ognuno è libero di fare quello che vuole su se stesso e no di mutilare una povera bimba potrei essere d'accordo con te solo se questa pratica orribile venisse decisa in età adulta e liberamente da ogni donna altrimenti nooooooooo e per nessun motivo cultura, religione ,ecc ecc trovo che sia giusto provocare un tale trauma a questi piccoli angeli..

    RispondiElimina
  19. Caro Anzeige, davvero credi che è una questione di cultura? che dobbiamo lasciarli fare? e allora perchè tante donne africane si stanno ribellando a questa orribile mutilazione? Noi da qui possiamo solo denunciare questa terribile usanza. Se davvero fosse solo un fatto di religione (tra l'altro nel corano non si dice esplicitamente che bisogna praticare questa barbarie) perchè non possono scegliere le bimbe? Probabilmente sei un uomo e non puoi immedesimarti. Se per religione si dovessero mutilare tutti i membri maschili ai bambini, non diresti niente? Lo dice la parola: mutilare... ma ti sembra naturale? Sono d'accordo con Loredana: quanta ignoranza!!

    RispondiElimina
  20. ...è una pratica disumana altro che tradizione e/o religione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono daccordo con Loredana e Laila, aggiungo che c'è una popolazione che nutre a dismisura le figlie per poterle maritare, perchè se belle ma non grasse, non si sposano.
      Così è anche per l'infibulazione. Quindi per me il problema è Demografico, e viene scaricato brutalmente sulle donne
      ( in Cina le nascondono quando non le eliminano ).
      Bisogna democratizzare le religioni e quei sistemi di potere che impediscono di affrontare i problemi demografici,
      ma trovano vantaggioso applicare il "dividi et impera" in ambito di caos demografico. ( scusate la schematicità ) ENZO di R.E

      Elimina
  21. Si stà parlando di una pratica disumana e senz'altro non da noi accettata.
    Bisogna ricordarsi, però, che le tradizioni di un popolo vanno rispettate come tali, non per questo ammetto l'infibulazione, ma si deve dare il tempo alla popolazione dove si pratica questo, di far capire che tale atto è improprio e inadatto. Senz'altro a poco a poco dovrà sparire questa pratica ma l'importante è dare la possibilità alla popolazione di non stravolgere le loro tradizioni dall'oggi al domani, altrimenti si otterrebbe l' effetto contrario e sono convinto che la NON pratica dell' infibulazione avrebbe più successo.

    RispondiElimina
  22. Io vorrei sapere il prrciso motivo di queste azioni disumane??... Ma non se ne rendono conto ke quello che fanno è disgustoso ... È una cosa orribile io sn decisamente contro a queste cose

    RispondiElimina
  23. Sono daccordo con Loredana e Laila, aggiungo che c'è una popolazione che nutre a dismisura le figlie per poterle maritare, perchè se belle ma non grasse, non si sposano.
    Così è anche per l'infibulazione. Quindi per me il problema è Demografico, e viene scaricato brutalmente sulle donne
    ( in Cina le nascondono quando non le eliminano ).
    Bisogna democratizzare le religioni e quei sistemi di potere che impediscono di affrontare i problemi demografici,
    ma trovano vantaggioso applicare il "dividi et impera" in ambito di caos demografico. ( scusate la schematicità ) ENZO di R.E

    RispondiElimina
  24. I musulmani devono essere sterminati, ovunque si trovino. Finché un solo musulmano respirerà sulla terra, essa sarà impura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha ragione a morte i musulmani......cose inutili e schifosissimi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1

      Elimina
  25. 25 / 1 / 2013
    Tale consuetudine è figlia dell'evoluzione umana. Che lo vogliamo o no, noi siamo " animali ", i nostri predecessori sono i primati e gli scimpanzè " bonobo " hanno il 98 % di geni simili a noi.
    Ricordo che tra gli animali, il maschio più forte si crea un harem di femmine che difende, con la sua vita e con tutte le forze, dall'insidia degli altri maschi, difendendo così la possibilità di avere una discendenza propria e di garantirsi la prosecuzione della razza.
    Questa usanza, per un uomo che non vive ogni momento accanto alla sua femmina e deve allontanarsi per procacciare il cibo alla sua " famiglia ", e non è più in grado di avere la sicurezza che la sua " proprietà " venga tutelata da intromissioni indesiderate, questa usanza, dicevo, è un
    " ottimo " sistema per garantirsi il solo primato: è un'assicurazione sul " coito esclusivo garantito " unicamente proprio.
    Anche noi, cosiddette popolazioni " civili ", non siamo esenti , per assicurarci l'esclusività del rapporto,da praticheincivili , però senza mutilazioni per il corpo femminile: pensiamo alla famigerata " cintura di castità ", inventata dai " cattolicissimi e civilissimi " crociati.
    L'infibulazione non è altro che una derivazione deviante di questa lotta per il primato: deviante perchè, per gli altri animali, tale modo di agire è istintuale, mentre per noi è una orrenda pratica fin troppo pensata e praticata; deviante perchè, diversamente dagli altri maschi animali che mettono in gioco solo sè stessi e la propria vita, l'uomo invece incide solo sulla pelle delle donne, senza mettere a repentaglio nè la propria vita, nè il proprio corpo.
    Ma l'uomo continua la propria evoluzione e oggi si vive in una società globalizzata che, bene o male, deve raggiungere compromessi " comuni ", con leggi che tutelino la vita e l'incolumità fisica dei propri appartenenti, per cui chi vuole ricevere gli utili di questa società deve adattarsi alle leggi comunitarie per il bene comune, sapendo così rinunciare alle regole ataviche e non più produttive e comunemente non accettate dal resto della comunità.
    Antonio

    RispondiElimina
  26. L' infibulazione è una mutilazione ai genitali delle femmine che provoca una menomazione fisica e psicologica per fare assoggettare meglio la fattrice che DEVE procreare a certe condizioni e queste sono spesso dettate da mentalità, usi e costumi perversi dei quali NON vi è traccia nei libri della loro religione. Qualche volta anche un medico ci rimette la vita per il solo fatto che ha appoggiato lo stetoscopio sul corpo di una donna. Cultura.... cultura.... ma vedetevi Ultime Grida dalla Savana.
    Eghilmo R.

    RispondiElimina
  27. pensare che ci sono posti nel mondo dove praticano tali cose ci lasciano senza parole.E questo non vuol dire non rispettare le idee di altre religioni che in modo contorto ritengono di poter parlare di purezza .Sono convinta che se si mettesse in pratica il comando di Dio di luca 10:27
    di(amare il prossimo come se stessi)forse, anzi sono sicura non si parlerebbe più di nessun tipo di atrocità o barbària, forse perchè , prima di compiere qualsiasi atto ci chiederemmo :io lo vorrei per me stesso ?
    pensateci!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gran bel commento.
      Non sono una religiosa nè credente, ma credo nel messaggio "amare il prossimo": tutto parte da lì, se ci fosse più amore e rispetto per gli altri non ci sarebbe tutto questo male, se ognuno pensasse che quello che sto facendo, io non lo vorrei. tante cose non si farebbero più.
      Purtroppo c'è ancora chi pensa solo ai suoi interessi.
      Grazie ancora per il commento

      Elimina
  28. Scusate l'intervento........ sono un uomo di 40 e per caso ho letto questo post. Non condivido detterminate pratiche. A mioavviso ledono la moralita e l'orgoglio femminile. Nel pieno rispetto della natura umana, che sia cristiana mussulmana o di qual che si voglia nessuno deve ledere in nessun modo l'esser donna di ogni una di voi. Se nn fosse per le donne nessun uomo sarebbe al mondo. Nn trovo giusto usare la donna come oggetto. Onore e rispetto a voi progenitrici del mondo.

    RispondiElimina
  29. no no! pratica di infibulazzione è necesaria!!! rende donna pura e apre per donna porte di paradiso! anche voi ocidentali presto sarete travolti da nostra religione piu forte di vostra! e anche voi donne dellocidente dovete fare infubulazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo ti posso chiedere quanto gode la tua donna? Mi scuso x la schiettezza! Sandra

      Elimina
  30. Sono d'accordo con la frase:
    "Sarebbe da tagliargli a certe persone non solo il loro organo genitale ma anche la lingua e le mani.
    Ci vuole coraggio a far certe cose.
    Non son degni di stare sulla terra!!!!!!!!!!!!!!!!!"
    sono per la libertà e vorrei che i bambini venissero
    lasciati stare sono innocenti e non possono decidere e questo collega con altre cose brutte e schifose che ho letto e trovato su internet, adesso sono attivo "CONTRO LA PEDOFILIA" che se ne è parlato poi più nulla, come l'AIDS se ne parlato poi nulla, questo non vuol dire non queste due cose schifose non ci sono anzi ci sono e sono peggio di quando se ne parlava.........quindi io cerco per quello che posso di fare di tutto che non accada nulla a tutti i bambini che conosco e non......ma non posso proteggerli tutti.........speriamo che qualcuno mi aiuti a far finire queste barbarie dal L'infibulazione alla PEDOFILIA e a tutte le violenze alla donne e agli uomini che ammazzano uomini.......bello schifo di mondo viviamo.....io lo scrivo se qualcuno tocca una donna o un bambino/a e meglio che mi tenete perchè non so cosa gli farei....altro che carcere......non ci arrivano sani .......scusate per lo sfogo e anche per la mia non corretta scrittura italiana ma avevo voglia di dirla tutta.........
    Aurelio

    RispondiElimina
  31. E forse qualche fanatico di questo uso ci dira anche che questa pratica differenzia esseri umani e animali. Quello che e veramente triste e che la medicina non ha ancora trovato il modo di trapiantare cervelli: sola cura per queste bestie. ma forse una soluzione la relazione: coltello:clitoris=mannaia;testa.
    vetriolo

    RispondiElimina
  32. Uno scambio di opinioni interessanti che mi ha aiutato a comprendere le ragioni socio-psicologiche che stanno dietro la pratica dell'infibulazione.
    argomenti importanti e da trattarsi con la dovuta cautela per non commettere errori comunicativi che pregiudicherebbero i possibili dialoghi da intercorrere tra coloro che hanno diverse concezioni di cosa sia un essere umano e dunque di come ritenere che esso possa vivere.
    Un problema di cultura senz'altro è d'affrontare, in quanto è necessario perfezionare le idee di coloro che sentonsi giustificati e legittimati a ricorrere a tali dolorose manomissioni corporali.
    Condivido sulla necessità di comprendere innanzitutto le ragioni fondanti, ricordando oltre all'infibulazione e simili che altre pratiche similari come la circoncisione del prepuzio a neonati hanno un'interpretazione che alcuni in questo blog ricordavano essere tribale se non religioso - in spirito ghandiano mi sento personalmente in dovere di tendere verso il superamento di quelle che io ritengo essere, seppur dall'ottica di chi le pratica giustificate, delle forme di violenza. Detto questo non sarò io a costringere con una forma di violenza alla conversione altrimenti non sarei meno biasimevole - condivido sulla necessità di diffondere secondo lo spirito social-liberale e quindi attraverso dialoghi in libertà e "riforme" del pensiero presentate nel tempo dunque convergendo possibilmente in una spontanea convergenza di opinioni all'abbandono di qualunque forma di violenza. Il percorso è arduo ma doveroso farlo.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...