sabato 31 dicembre 2011

Don Verzè è morto: giustizia divina?

Ero intenta a fare delle ricerche quando il tg della mattina ha comunicato la notizia della morte di Don Verzè, il fondatore dell'ospedale San Raffaele di Milano.
Negli ultimi tempi era stato implicato nelle indagini sulle ipotesi di bancarotta fraudolenta, false fatturazioni e altri reati.
Infatti, l'ospedale si è ritrovato senza denaro, incapace di pagare i suoi dipendenti e i suoi creditori.
E come mai?
Si è scoperto che a Salvador de Bahia è stato costruito un ospedale: in teoria aperto a tutti, ma in pratica aperto solo ai più ricchi.
E ci sono state altre sorprese: don Verzè aveva una grande villa con piscina, dove si svolgevano anche feste con donne, e un aereo privato.
Forse sono finiti lì tutti i soldi?
C'è da dire che questo scandalo ha causato il suicidio del suo braccio destro, Mario Cal.
Adesso anche lo stesso prete manager se ne è andato a 91 anni per un arresto cardiaco: è stato trovato morto nel suo appartamento all'interno del complesso del San Raffaele.
Come vogliamo chiamarla: giustizia divina va bene?


7 commenti:

  1. Ora cosa "Gli" racconta?

    RispondiElimina
  2. se esistesse la giustizia divina doveva campare fino alla fine del processo

    RispondiElimina
  3. giustizia divina per un uomo di 91 anni?
    in vita si, lui ha vissuto la giustizia divina.
    in vita ,ha goduto,sperperato ,truffato come dite voi,ha fatto quel che voleva un secolo di bagordi .morire a 91 anni cosi firmeresti anche tu

    RispondiElimina
  4. più che altro ora cosa "non" ci racconta, con la morte sparisce anche la conoscenza dei misfatti e dei complici..
    ciao

    RispondiElimina
  5. In effetti è così...
    La mia era solo ironia, visto che non sono credente.
    Chissà quante ne ha combinate quest'uomo.
    Ma purtroppo difficilmente sapremo qualcosa.

    RispondiElimina
  6. attis57@yahoo.it2 gennaio 2012 19:14

    Sono all'estero ed ho appena letto della morte di don Verze' su La Stampa online. Mi ha stupito la visita di Cacciari mentre non mi sorprende affatto la presenza di quell'indegno rappresentante della canzone italiana chiamato Al Bano.

    RispondiElimina
  7. se esiste l'inferno... lui sicuramente sta dimorando là.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...